Sagra delle Pesche (San Sperate)

Inserito da skyseeker

Si tratta di una ormai famosa sagra, che si protrae per dieci giorni circa. E’ festa che possiede un carattere religioso, in primo luogo, senza dimenticare l’aspetto tradizionale, folklorico e certo economico commerciale. Coincide con la festa del patrono del paese (San Sperate) e prende avvio il 17 di luglio. La cittadina viene addobbata a festa, con bandiere colorate, festoni e palchetti le cui scenografie sono davvero interessanti, e che ripercorrono la vita che doveva essere del paese, anticamente. Le bancarelle sono collocate nelle vie principali e consentono non solo la degustazione del prelibato frutto, prodotto principale dell’economia di San Sperate, ma anche l’acquisto. Sono inoltre promossi ed esposti i prodotti tipici dell’artigianato della zona, che con l’occasione vengono fatti conoscere ai turisti e visitatori. Alcune delle più antiche case della zona, aprono ai presenti e li ospitano per dei tradizionali pasti, cucinati secondo ricette tramandate di generazione in generazione e divenute oramai storiche. Vengono inoltre allestiti dei temporanei musei nei quali vengono esposti oggetti di antiquariato, utilizzati un tempo per i lavori nei campi. Non mancano le mostre di pittura, il turista avrà la possibilità di osservare i vari murales, lasciarsi trasportare dagli spettacoli folklorici e musicali e infine assistere alla sfilata in costume che ogni anno si accompagna ai festeggiamenti per il Santo. Una processione di uomini e donne vestiti con l’abito antico trasportano il simulacro del Santo per le vie del paese. Come sottofondo il dolce suono delle launeddas.

Curiosità: Le reliquie del Santo, ancora oggi trasportate in processione provenivano dal nord Africa. Giunsero a San Sperate, allora chiamata Valeria, quando il re vandalico Trasamondo, nel 507-508, inviò i vescovi cristiani in Sardegna. Questi, per sottrarle alla furia vandalica, portarono con se le reliquie di differenti Santi, quelle di San Sperate appunto, e quelle di Sant’Agostino, custodite oggi in Cagliari.

Claudia Zedda


Inserito da MCSimon


Cerca