Arte, musica e cultura: il sabato alternativo del Sarrabus

L’unione di musica, arte e cultura saranno gli ingredienti principali del festival Reggaehop. Appuntamento per sabato 15 marzo a partire dalle 23 in località Porto Corallo.

A organizzare l’evento è Angelo Atzori, artista, che vuole importare in questa zona l’idea del progetto Campidarte, ovvero la riqualificazione di determinati ambienti in luoghi d’arte, che accolgano musica e cultura.

Il reggae e l’hip hop sono i generi scelti per questa prima edizione, ma non mancano le idee per evolversi pian piano e organizzare le prossime edizioni con scelte musicali differenti.

Non solo un appuntamento per gli appassionati di musica, ma anche di arte. Nell’area del festival, il locale Magic Sunset, ci sarà uno spazio espositivo per diversi artisti della zona, che metteranno in mostra le proprie opere e il proprio talento, realizzando delle opere dal vivo. Un festival musicale col supporti di arte moderna, pop art, t-shirt desing, spray painting.

Anche nella pagina facebook dell’evento è possibile vedere alcune opere che gli artisti metteranno in esposizione al festival.

Gianpiero Murana, Doriana Cancedda, Vanessa Pili, Roberta Atzori, Simone Mattana, Daniela Sechi, Betti Pibiri, Bramah, Jack Street, Simone Cerina e lo stesso Angelo Atzori sono solo gli artisti mentre sul palco si esibiranno i musicisti Islasound, Sista Namely e Anthony Screwface. Ad aprire la serata i sarrabesi Flumendosa e gli StreetNoise, il progetto musicale dei giovani rapper nato tra le mura del Centro Giovani di Villaputzu.

Per partecipare alla serata, basta acquistare il biglietto (10 €) che comprende due drink.

Fence